Le freselle

Un pò di storia…. Buona cena a voi !
Le freselle sono fette di pane di grano duro o integrale biscottato. Molto apprezzate in Campania in Calabria e in Puglia. Si servono dopo averle ammorbidite con acqua e condite con pomodoro, sale, olio d’oliva, basilico o origano.  La “fresella” napoletana, e meridionale in genere, altro non è che una fetta di pane messa nuovamente nel forno e dunque bi-scottata. Basta bagnarla con un po’ d’acqua e quel pane lo si ritrova, pronto all’uso. La fresella è un cibo povero, nel senso che costa poco. È priva di tutto, anche di grassi, il che la rende perfetta per  le diete. Ma proprio qui sta la grandezza della fresella: lei non pretende nemmeno di avercelo, il sapore. Resiste nel tempo e non va a male. Infatti i marinai, costretti a lunghi mesi di navigazione senza toccare terra, portavano in viaggio quantità ragguardevoli. La mangiavano sul mare,  spugnandola con un po’ d’acqua salata. In modo da ammorbidirla e salarla al punto giusto.
La presenza della fresella nel sud Italia risale circa al 1300. Di lei rimane l’eco nelle voci dei venditori ambulanti.
A Napoli le freselle le vendeva il “tarallaro”, che batteva incessantemente le strade.

image

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...